mercoledì 30 aprile 2008

BUON 1 MAGGIO A TUTTI........


OLA! rega'
vi faccio una proposta
ki ci vieta di farci riconoscere tra noi?
eccola......
propongo di "coniare" un logo...
una specie di distintivo
un disegno con su scritto "blogger" o "bloggers"
ke ne dite? e' solo un idea buttata giu' così........

giovedì 24 aprile 2008

a ricarico .......SETT........ dal14 al 27 Aprile


nella sett dopo londra ho fatto solo 3 cl cominciando il mercoledi
dolori quasi assenti
invece la sett di ricarico
lun cl 8km
mart 4x2000 km 2,320 risc + 7,25+5,00+7,16+5,05+7,15+4,59+7,03
+km 2,320 def tot 15km circ
merc 1km + 10min strec. + 6km cl +1km 3,59 tot km8
giov medio rtm gara km 22,140 a media 4,08(1:31'43")
+ km1 def tot km 23
ven rip
sab lungo km 31,350 a media 4,52 2h33'10"
sett km tot 84
dom rec energie (Cresima di mia figlia Fede)
IL LUNGO L'HO SOFFERTO partito all'una me so' beccato tutto il caldo
due soste (bevuta al fontanile 10") al 26mo e 30mo circa e 2 carbogel uno ogni ora
ah! dimenticavo...percorso ondulato abbastanza
x questo la media e' un po' alta

martedì 22 aprile 2008

PISAMARATHON......



ci ho riflettuto bene
Londra(fantastica) non e' andata proprio come
volevo io
a questo punto penso di aver fatto un bel medio 30km (ritmo gara)
con 12km poi di def (a ki o voi fa' crede)
mi sono iscritto a Pisa
con qualke lavoro di velocita', un lungo, un altro medio (sempre rtm gara)
ma meno km (25?) in questi 10gg
x poi avere l'ultima sett di scarico
a proposito guardate ke numero!!!




PISA MARATHON - 11/05/2008



451 - 500 di 790 Atleti|< << 6 7 8 9 10 11 12 13 >> >|

* pett

cognome

nome

data

team

cat

gara

541

DE MASI

CARMINE

1963

A.S.C.D. SILVANO FEDI


MARATONA

542

ESPOSITO

GERARDO

1958

POL. CORNIGLIANO 79 DILETT.


MARATONA

543

FALCO

EZIO

1965

TURIN MARATHON


MARATONA

544

FRAGALE

MAURIZIO

1965

A.S.DIL. UNIVERSITAS PA


MARATONA

545

GRAMEGNA

SALVATORE

1947

individuale


MARATONA

546

HERMAN

MICKAEL

1975

individuale


MARATONA

547

SERGENTI

JEAN MARC

1958

individuale


MARATONA

548

GERNOT

KURTZ

1945

individuale


MARATONA

549

MOSCARELLI

STEFANO

1949

ASS. DILET. CANAVESE 2005


MARATONA

550

PEDLOW

MARK

1953

Canada


MARATONA

551

BORGATO

STEFANO

1972

A.P.D. PONT-SAINT-MARTIN


MARATONA

552

VAS

GÁBOR

1977

Hungary


MARATONA

553

WEISSENSTEINER

ALFRED

1958

individuale


MARATONA

554

KNEFZ

THOMAS

1980

individuale


MARATONA

555

VANNI

ORLANDO

1966

Atletico UISP Monterotondo


MARATONA

556

WERMUTH

JEAN PIERRE

1934

Francia


MARATONA

557

PISTOLESI

ROBERTO

1962

Podismo il Ponte


MARATONA

558

CICCHELLA

GIANLUCA

1974

Esercito Cemivet


MARATONA

559

GAETA

UGO

1966

Esercito Cemivet


MARATONA

560

MATTAROCCI

GIANLUCA

1978

Bancari Romani


MARATONA

non mi erano mai capitati 3 numeri uguali
ritornando alla gara Marga(ntonio) mi ha detto ke l'ha fatta solo una volta
sola e a come si ricorda lui e' un po' impegnativa quindi
non si puo' partire troppo veloci!!!!!!!!!!!!!!!!!

sabato 19 aprile 2008

SCARICO


Ciao corridori, ho trovato qualcosa che può aiutarci a realizzare
un buon periodo di scarico per il dopo maratona.
Saluti a tutti

Azize






Cosa fare dopo la maratona

Copyright by THEA 2004

Tutti si affannano a proporre tabelle su come preparare una maratona, ma pochi spiegano cosa fare dopo. Le indicazioni di solito sono generiche e troppo vaghe per essere concrete. Quali sono i parametri che si devono considerare per definire il post-maratona? I più significativi sono:

A) Rapporto peso/altezza

B) Numero lunghissimi (> 25 km) effettuati nelle ultime sei settimane precedenti la maratona

C) Record sulla mezza maratona

D) Passaggio alla mezza

E) Ultimi 7 km

F) Sensazioni soggettive (all'arrivo, la mattina dopo, 48 ore dopo)

Non ha nessuna particolare importanza l'età del soggetto; ciò è perfettamente in linea con le indicazioni che ci vengono dal mondo amatoriale dove runner attempati corrono alla grande diverse maratone all'anno.

Si deve subito rilevare che durante la stagione non è possibile correre più di 5 maratone al top delle proprie performance. Questo è un dato statistico rilevato anche da amatori in netta progressione. Nessuno riesce a fare il proprio personale consecutivamente per più di quattro-cinque volte, partendo da una base per lo meno decente. Correre più di cinque maratone all'anno con l'intento di correrle al massimo è sicuramente controproducente: se non ci riescono i professionisti non è pensabile che ci riescano gli amatori. Ovviamente si possono correr più di cinque maratone all'anno, correndone molte come semplice lunghissimo, 7-10"/km sopra il proprio ritmo gara, cioè 5-10' in più rispetto al proprio record potenziale. Ciò spiega l'esistenza di fenomeni alla Calcaterra (basta vedere la distribuzione dei suoi tempi) e di altri supermaratoneti meno noti.

L'analisi che faremo vale solo per maratone corse con l'obbiettivo di fare il proprio personale cioè corse almeno al 95% delle proprie possibilità. A differenza dei top runner (nei quali dopo la maratona viene meno lo stimolo psicologico che li ha portati a dare il massimo), nell'amatore e nel professionista di medio livello non è raro correre una maratona magari senza periodo di scarico, tre o quattro settimane dopo la prima. Lo scopo dell'articolo è pertanto rispondere alla domanda: ci deve essere un periodo di scarico dopo la maratona e quanto deve durare?

Rapporto peso/altezza – Chi non ha un peso atletico (vedasi la definizione nell'articolo sull'IMC), ha molti più microtraumi che un runner leggero. È ottimistico sperare che si possano riparare a tempo di record. Poiché la rigenerazione tendinea e cartilaginea è molto lenta essendo tessuti scarsamente irrorati, non è consigliabile per chi è sovrappeso riprendere con i lunghissimi prima di 30-40 gg. dalla maratona. Ciò sicuramente causa un deallenamento alla distanza e significa che ragionevolmente non si possano correre più di 2-3 maratone all'anno, intervallando la preparazione delle varie gare con periodi di recupero articolare.

Numero lunghissimi – Chi è arrivato a una maratona correndo solo pochi lunghissimi sicuramente ha corso la prova come un ulteriore lunghissimo che il suo corpo deve metabolizzare con cura. Se nelle sei settimane precedenti avete corso 2-3 lunghissimi (>25 km), la maratona deve essere recuperata con 30 gg. di scarico perché sostanzialmente non l'avete corsa con l'allenamento ottimale. Se avete corso da 4 a 6 lunghissimi, l'avete affrontata (almeno da questo punto di vista) in modo ottimale e quindi non tenete conto di questo parametro nella decisione di un eventuale periodo di scarico.

Record sulla mezza – Se il tempo che avete ottenuto sulla maratona è inferiore a 2,15*(record mezza) vuol dire che avete ottimizzato la prestazione. Per esempio un atleta che ha un record sulla mezza di 1h20' e corre la maratona sotto le 2h52' vuol dire che è andato fisiologicamente molto forte. A questo punto è praticamente impossibile un ulteriore miglioramento a breve; è consigliabile un periodo di rigenerazione di 60 gg. prima di riiniziare un'altra preparazione. Se lo stesso atleta avesse corso (ovviamente si fa sempre riferimento a tempi in condizioni ideali) finendo sufficientemente fresco in 2h58', ci sarebbe la possibilità teorica di un ulteriore miglioramento a breve (seconda maratona dopo tre settimane).

Passaggio alla mezza - Qui iniziano le note dolenti per gli amatori. Alcuni sono addirittura convinti che occorra mettere fieno in cascina per la seconda parte, che il calo è inevitabile ecc. Tutte sciocchezze, basta esaminare come corrono i professionisti. Le due metà devono essere uguali! Se il passaggio alla mezza dà una proiezione finale di 5' inferiore al tempo realizzato, si è andati sicuramente in calando e l'organismo non può rimanere indenne da uno sforzo eccessivo. Poco contano le sensazioni all'arrivo (si può essere freschi perché si è avuta la saggezza di diminuire dopo essersi accorti che il ritmo era insostenibile), è necessario il solito periodo di rigenerazione di 30 gg. Il periodo deve essere tanto più lungo quanto maggiore è la differenza: anche i contraccolpi psicologici si pagano. Passare alla mezza in 1h30' e finire in 3h'20" significa che è meglio pensare a una maratona la prossima stagione o almeno fra sei mesi. Questo se volete correre fino alla fine dei vostri giorni.

Ultimi sette km – Se il divario del coma (la definizione è nuova e indica la differenza fra il tempo finale e quello stimato alla mezza; esempio: 1h40' alla mezza, 3h42' tempo finale: divario del coma=22') si accumula negli ultimi sette km la situazione è veramente critica perché ciò indica che avete raschiato il fondo del barile. Se la differenza al km fra la media finale e la media degli ultimi 7 km è di 10"/km avete bisogno dei soliti 30 gg. di rigenerazione. Anche in questo caso il periodo è tanto più lungo quanto maggiore è la differenza.

Sensazioni oggettive – Vengono citate perché NON hanno un'importanza reale. Sentirsi bene o sentirsi male può dipendere dalla gara, ma anche dalla psicologia del soggetto, esaltato o depresso dalla situazione. Le sensazioni derivanti dalla deplezione di glicogeno non sono gravi perché basta una settimana di alimentazione equilibrata per riaggiustare tutto. I dolori muscolari postgara si recuperano facilmente in una settimana e non sono particolarmente significativi (se provate una gara in montagna di 10 km senza allenamento specifico le sensazioni possono essere anche peggiori!). Insomma se le sensazioni non sono buone, ma i punti precedenti sono stati brillantemente superati in genere basta una settimana di notevole scarico per rimettersi in pista. L'affrontare poi una nuova preparazione deve essere valutato alla luce di come il soggetto ha superato psicologicamente le sensazioni negative postmaratona.


venerdì 18 aprile 2008

martedì 15 aprile 2008

.......NON VA SEM'PRE COME SI VORREBBE

cominciamo dall'inizio
arrivo a Londra in tarda mattinata di venerdi e come da previsione
il clima non prometteva nulla di buono acqua e vento
ma non ci fermera' mica questo!
d'accordo co' Master e Azize ci diamo appuntamento x
l'indomani x una sgambata 20-30 min al parco davanti all'hotel
giusto x provare il clima(invernale) tutto apposto tranne
ke un piccolo risentimento dietro la coscia sx(era un segnale?)
ah!. ... mi sono accorto solo al mattino di non aver portato i miei
plantari ma non c'era problema dico x una gara anke se di 42km.
a differenza dei giorni dietro mi sentivo abbastanza bene (forse troppo)
in hotel Azize incontra un ragazzo(47 anni) ke vuole fare il nostro stesso ritmo (4,10)
meno male in tre si va meglio.
ma non mi dilungo oltre
sveglia alle 5,00(ma ki ha riposato) colazione abbondante alle 5,30
e alle 6,00 si parte x Greenwich dov'è lo" start"
un immenso prato verde cielo azzurro (non c'era una nuvola) un grande schermo
x rivivere le precedenti edizioni
roba da brividi...
al fianco delle griglie di partenza 3 mongolfiere pronte x partire allo start
e in cielo 3 dirigibili x le riprese
tutto stupendo... si parte
ecco i primi tempi a miglio naturalmente
- 7,08
-6,27
-6,23
-6,31
-6,27 troppo veloci ma stavamo bene intanto Andrea (di sassari) mi
conferma lui ke l'ha fatta "e' stupenda e' come new york" in effetti il pubblico
ci incitava molto" GO ITALY...GO ITALY..."
-6,46
-6,40
-6,36
-6,41
-6,46
-6,38
-6,41
in questo tratto abbiamo cercato la reale andatura ke s'era prevista all'inizio
poi abbiamo rialzato il ritmo senza volerlo
in queto tratto Azize mi fa' (o Andrea proprio non ricordo) guarda laggiù!
in lontananza sembrava una nube tossica una di quelle ke si vedono di questi periodi
ma io gli dico" no.. noi tagliamo di qua' non ci prende" le ultime parole..
intanto sono passate altre 3 miglia
-6,30
-6,37
-6,36
poi il diluvio ...non mi era capitata mai una cosa del genere acqua e vento freddo
intanto6,52-6,45-6,45 mentre io rallentavo Azize e Andrea mi avevano staccato
(ma non di molto) ed io cominciavo a sentire un leggero risentimento dietro la coscia sinistra
poki metri dopo ad ogni piccolo dislivello ... dolore prima a sinistra poi a destra
15,25 non ce la faccio ... i crampi ...faccio streccing...sembra passato
-8,14
"vabbe' mi mantengo intorno agli 8 min ......meglio di niente"
invece alla fine del 21mo miglio
-8,55 devo per forza rallentare e ..
-10,41
-10,33
-10,29
poi ho schiacciato solo all'arrivo -17,13
tra la spettacolarita' della folla e con il loro incitamento
l'ho comunque conclusa con un buon tempo 3h 15min
era troppo importante per non concluderla
stringendo i denti ce l'ho fatta
be' il rimpianto c'è ... anke perke' come frequenza cardiaca
stavo ancora molto bene peccato.
Azize e Andrea??
anke loro hanno rallentato un po' ( le ultime 3 miglia sono andati
a 4,30 a km) ma sono riusciti comunque a fare un 2h58min
GRANDI.......
anke Master ha fatto un bel tempo 3h26min (11min sotto rega')
lui continua a dire ke s'è "impicciato" con le miglia ei km (sornione)
Anna? 4h44min GRANDE anke LEI pensate lo "sgrullone" l'ha preso due volte
e nell'ultimo s'è beccata anke la grandine
ho sintetizzato al massimo l'accaduto......................................................................
mi dispiace di essermi fatto vivo soltanto adesso

martedì 8 aprile 2008

sabato 5 aprile 2008

- SETTE



11 settimana


cl 1h10 km13 dom 30 marzo

lun rip

mart 3x 2000 rec 1000m corsa lenta 20 min defaticamento

risc 3,5km +7,20+7,00+7,20+6,45+7,14+ def km2,2 tot km14,700

mer Cl in leg progr 5,00+4,45+4,41+4,36+4,35+4,27+4,14+3,58 tot km 8

giov rip

ven Cl 6 giro circ km 6,960 a 4,32+2gg circ km 2,320 a 4,07 tot km 9,280

Sabato 5 apr ritmo gara ris km1,160 + 58,56 13km +def km1,160

Tot km 15 circa

in questa sett tranne ke nelle rip (2000) ho provato il ritmo gara

sto' entrando in" quell'ottica" x cercare di impostarmelo mentalmente

(Azize x questo sta' gia' un passo avanti) mi sembra di riuscire

ma il problema

e' quello di portarlo x tutta la gara

questo non lo posso prevedere e lo sapro' solo quel giorno

di lavori ne ho accumulati parekki

solo se avro' fatto bene questa e l'ultima stett

riusciro' a "concretizzare tutto il lavoto fatto

intanto in quest'ultima

cerkero' di avvicinarmi il piu' possibile

alla dieta ke mi ha consigliato il mio "amico"

di BLOG Cristian

domani andro' dal mio fisioterapista pre controllare

i vari acciakki ke mi porto dietro da parekkio tempo

sicuramente mi dara' una bella "stirata"

poi forse anticipero'

d'accordo con Azize i 6x1000 (ritmo gara pero') con

un recupero piu' lento delle altre volte

APPROPOSITO oggi c'e' stato il duatlhon a monterotondo

parekki dei nostri ragazzi (siamo poki ma buoni) si sono piazzati nelle

primissime posizioni

anke le mie due bimbe Fede (12 anni) e Serena(9 anni) sono

andate bene una 4 e l'ltra 5 di cat

sono contento

se loro si divertono a me sta bene cosi'.........!!!!!